Aprile 29, 2019

Medicina 2019

By admin1962

È facile pensare alle cure mediche da una prospettiva ristretta. Si va in ospedale o in clinica per un problema che potrebbe essere affrontato con un farmaco, una procedura o un altro tipo di trattamento. Ma alcuni esperti riconoscono che c’è il potenziale per creare soluzioni che possono migliorare i risultati per un gruppo più ampio di persone.

Dato l’aumento di condizioni croniche come le malattie cardiache e l’aumento dei costi sanitari, c’è chiaramente un margine di miglioramento. Molti professionisti del settore sanitario ritengono che la gestione della salute della popolazione possa essere una buona soluzione. L’unico problema è che sembrano esserci idee contrastanti sul significato di questo termine.

Quindi, cos’è la gestione della salute della popolazione? Abbiamo contattato alcuni esperti per ottenere una comprensione concreta di questo metodo e di come potrebbe funzionare nella pratica. Preparatevi ad un primer su questa soluzione emergente.

Il vostro percorso verso la Residenza inizia all’Università di San Giorgio. Ci stai?
Cos’è esattamente la gestione della salute della popolazione?

Anche se sarebbe difficile trovare un consenso sulla definizione di questo termine, la maggior parte degli esperti concorda su una spiegazione abbastanza chiara. “La gestione della salute della popolazione è l’applicazione proattiva di strategie e interventi a un gruppo definito di individui al fine di migliorare la salute di coloro che fanno parte del gruppo al minor costo”, offre il dirigente sanitario Joe Welfeld.

Sulla base di questa definizione, si può vedere che ci sono alcuni obiettivi primari. Il primo è quello di produrre una popolazione più sana. Il secondo è quello di ridurre il costo complessivo dell’assistenza. Questo dovrebbe anche aiutare a migliorare l’efficienza. Sembra abbastanza semplice, quindi ci si potrebbe chiedere perché ci si imbatte in così tante definizioni che dicono qualcosa di diverso. Secondo Todd DeWeese, Vice Presidente della Population Health Management Consulting di Premier, molto di questo ha a che fare con il volume di aziende che cercano di prosperare in un mercato competitivo.

“La salute della popolazione diventa confusa perché è un nome usato da molti fornitori e società di servizi che vogliono lavorare con o fornire soluzioni ai sistemi ospedalieri, ai grandi gruppi di medici e alle compagnie di assicurazione”, dice.

Alcune persone hanno la tendenza a confondere la gestione della salute della popolazione con l’assistenza basata sui valori. Sono correlate, ma in realtà sono molto diverse. Il secondo termine è un modello di compensazione che paga i fornitori in base ai risultati positivi piuttosto che al numero di servizi forniti.

“I modelli di pagamento basati sul valore sono utilizzati come meccanismo per premiare la gestione della salute della popolazione di successo”.

“I modelli di pagamento basati sul valore sono utilizzati come meccanismo per premiare una gestione della salute della popolazione di successo”, dice DeWeese.
Come funziona la gestione della salute della popolazione?

È ovviamente interessante contribuire a migliorare la salute di un ampio gruppo di persone. Ma come si fa a farlo? Si inizia con il rivolgersi a una popolazione specifica.

“La maggior parte dei sistemi sanitari guarda alle persone all’interno di un’area geografica definita”, spiega DeWeese. “Quello che cercano di fare è guardare alle malattie specifiche che queste persone hanno una propensione a sviluppare nel corso della loro vita, a partire dalla pediatria fino alla geriatria”. Egli osserva anche che ciò differisce da una regione all’altra.

Il passo successivo è quello di segmentare la popolazione in diversi gruppi in base al rischio che corre per lo sviluppo di questi problemi di salute. Nel senso più elementare, si individuerebbero gli individui che hanno già una diagnosi e quelli che probabilmente avranno gli stessi problemi in seguito. Ciò richiede un’analisi dei dati.

“Bisogna estrarre diversi database, di solito dalle informazioni sui sinistri e dalle informazioni cliniche contenute nelle cartelle cliniche elettroniche”, spiega DeWeese.

“Bisogna estrarre varie banche dati, di solito dalle informazioni sui sinistri e dalle informazioni cliniche contenute nelle cartelle cliniche elettroniche”.

Una volta che la popolazione è stata suddivisa in diversi segmenti, è possibile sviluppare interventi per i singoli individui in ogni punto dello spettro di cura. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ciò richiede un approccio a tutto campo, che richiederebbe la collaborazione di professionisti in numerose discipline.

Teoricamente, la gestione della salute della popolazione impedirebbe alle persone a rischio per determinate condizioni di passare alla fase successiva che richiederebbe un’assistenza ancora più intensiva. Possiamo illustrarlo utilizzando come esempio persone predisposte a sviluppare il diabete di tipo 2.

“Quelli di questa categoria possono essere gestiti abbastanza facilmente ‘prescrivendo’ 30 minuti di cammino al giorno, un intervento molto economico”, spiega Welfeld. Se queste persone non progrediscono mai verso il diabete di tipo 2, non avranno bisogno di trattamenti più costosi associati a questa condizione.
È possibile gestire la salute della popolazione?

Ottenere contemporaneamente costi più bassi e migliori risultati in termini di salute sarebbe ovviamente uno scenario vantaggioso per tutti. Tuttavia, se la gestione della salute della popolazione sia effettivamente fattibile è oggetto di dibattito. Uno dei principali ostacoli è che le informazioni non sono standardizzate.

“Il problema maggiore è quello dell’analisi dei dati e della garanzia che i vari sistemi di cartelle cliniche elettroniche abbiano la possibilità di dialogare tra loro e di condividere i dati”, offre Welfeld. “A meno che i dati non possano essere aggregati, utilizzarli per la gestione della salute della popolazione è un sogno irrealizzabile”.

DeWeese è d’accordo, aggiungendo che questo tipo di frammentazione è, per certi versi, da progetto. “Ci sono tutti questi grandi fornitori che sono in competizione tra loro, quindi non è nel loro interesse creare un ambiente che permetta lo scambio di dati per i clienti nel loro ecosistema con i clienti al di fuori del loro ecosistema”.

È chiaro che ci devono essere dei cambiamenti per ottenere una gestione diffusa della salute della popolazione. Detto questo, ci sono già prove che questo tipo di metodo può funzionare. Uno studio ha riportato il successo nel migliorare i risultati sanitari per i bambini della Carolina del Nord attraverso l’attuazione di interventi a più livelli. E non è l’unico esempio.

“In questo momento ci sono parti del Paese in cui i ricoveri di Medicare per 1.000 persone stanno diminuendo”.

“Ci sono parti del Paese in cui i ricoveri per ogni 1.000 casi di Medicare sono in calo”, sottolinea DeWeese. “Penso che questo si possa attribuire a un certo livello di miglioramento delle tecniche di gestione della salute della popolazione da parte delle organizzazioni di assistenza responsabile e dei piani di MA [Medicare Advantage]”.
Lavorare per un mondo più sano

Forse ora avete abbastanza informazioni da poter suonare la prossima volta che sentirete qualcuno chiedere: “Cos’è la gestione della salute della popolazione? Impegnarsi in questo tipo di discussioni è un buon modo per far sì che più persone pensino a come possiamo migliorare i risultati di salute per tutti. Una cosa è certa: la prevenzione deve avere un ruolo importante nel promuovere un mondo più sano. Fornire interventi appropriati alle persone ad alto rischio può aiutare a prevenire i problemi comuni.